“Quali siano i primi risultati relativi alla lotteria degli scontrini, con particolare riferimento al numero di soggetti che hanno richiesto il codice di partecipazione, il numero di transazioni valide per la prima estrazione mensile, prevista l’11 marzo 2021, e il numero di registratori telematici attualmente attivi”.

E’ quanto chiedono in un’interrogazione a risposta immediata in Commissione Finanze della Camera rivolta al Ministro dell’Economia e delle finanze i deputati Gian Mario Fragomeli e Raffaele Topo (Pd).

Di seguito il testo dell’interrogazione: “Per sapere – premesso che: da quasi 20 anni i Governi tentano di disincentivare l’uso dei contanti nei pagamenti che, secondo uno studio della Banca d’Italia, comporterebbe costi sociali complessivi per circa 15 miliardi di euro; i contanti hanno oneri nella loro emissione e spesso causano perdite legate allo smarrimento; inoltre, la gestione ha costi elevati per la vigilanza, il trasporto e le coperture assicurative che raggiungono annualmente 7,4 miliardi di euro e pesano per la metà sugli esercenti, riflettendosi poi sui prezzi ai consumatori; il Piano Italia cashless è stato concepito come nuova strategia per incentivare l’uso di carte e « app » di pagamento, al fine di modernizzare il Paese e favorire lo sviluppo di un sistema maggiormente digitale, veloce, semplice, trasparente e per combattere l’evasione fiscale; il citato Piano si compone di più strumenti di incentivazione per la diffusione dei pagamenti elettronici tra cui: il credito d’imposta al 30 per cento per i negozianti sulle commissioni bancarie addebitate per transazioni elettroniche; l’abbassamento della soglia dei pagamenti consentiti in contanti; l’obbligo di pagamenti elettronici nella pubblica amministrazione; l’obbligo di fatturazione elettronica; il programma cashback di Stato fino a giugno 2022; il protocollo per azzerare le commissioni sui micro-pagamenti e, non ultima, la cosiddetta lotteria degli scontrini per i contribuenti che effettuano acquisti di beni o servizi presso esercenti che trasmettono telematicamente i corrispettivi; il programma cashback e la lotteria degli scontrini possono risultare, a giudizio degli interroganti, anche validi strumenti per incentivare i consumi ora stagnanti a seguito dell’emergenza epidemiologica e agevolare la ripresa dell’economia, dal momento che sono escluse le transazioni effettuate sulle piattaforme e-commerce; per tenere conto delle difficoltà causate dall’epidemia e consentire agli esercenti di adeguare i registratori telematici, il decreto-legge n. 183 del 2020 (« Milleproroghe 2021 ») ha previsto l’avvio e l’operatività della lotteria dal 1° febbraio 2021 e ha spostato al 1° marzo 2021 la decorrenza del termine per i consumatori di effettuare le segnalazioni degli esercenti che rifiutino di acquisire il codice lotteria; secondo i dati Sogei, i registratori di cassa telematici attivi a ottobre 2020 erano circa 1,3 milioni: quali siano i primi risultati relativi alla lotteria degli scontrini, con particolare riferimento al numero di soggetti che hanno richiesto il codice di partecipazione, il numero di transazioni valide per la prima estrazione mensile, prevista l’11 marzo 2021, e il numero di registratori telematici attualmente attivi”.

Ha risposto la sottosegretaria all’Economia, Maria Cecilia Guerra: “Con il documento in esame gli Onorevoli interroganti evidenziano come il decretolegge n. 183 del 2020 ha previsto l’avvio a partire dal 1° marzo 2021 della cosiddetta lotteria degli scontrini. In relazione a quest’ultima, in vista della prima estrazione mensile prevista l’11 marzo prossimo, gli Onorevoli interroganti chiedono di conoscere i dati relativi ai soggetti che hanno richiesto il codice di partecipazione, il numero delle estrazioni valide per la prima estrazione, ed il numero dei registratori telematici attualmente attivi. Al riguardo, sentite le Agenzie fiscali, si rappresenta quanto segue. L’articolo 1, commi 540 e seguenti, della legge 11 dicembre 2016, n. 232, e successive modificazioni, ha disciplinato la lotteria degli scontrini. Con provvedimento del Direttore dell’Agenzia delle dogane e dei monopoli, d’intesa con il Direttore dell’Agenzia delle entrate, emanato il 5 marzo 2020 e successivamente modificato il 29 gennaio 2021, sono state definite le modalità di attuazione. Le prime trasmissioni dei dati dei corrispettivi validi ai fini della lotteria sono pervenute a partire dal 1 ° febbraio 2021. Tanto premesso, si riportano di seguito i dati di interesse relativi alla lotteria degli scontrini, registrati ed elaborati dal partner tecnologico Sogei: numero dei soggetti che hanno richiesto il codice lotteria: 4.092.187; numero di transazioni valide per la prima estrazione mensile: 16.958.486. Per quanto attiene al numero di registratori telematici attualmente attivi si rappresenta che, a fronte del numero dei registratori telematici attualmente attivi pari a 1.485.477 unità, 304.386 hanno inviato i dati ai fini della partecipazione alla lotteria”.

In seguito alla risposta della sottosegretaria Maria Cecilia Guerra, il deputato Fragomeli ha espresso “soddisfazione per la vasta adesione da parte dei contribuenti, rilevando invece lo scarso numero di esercenti che hanno aderito all’iniziativa della Lotteria degli scontrini”, invitando quindi il Governo ad “adoperarsi per il pieno successo dell’iniziativa”.