Trude Felde, neo-nominato Presidente e Senior Advisor di IAGR presso la Norwegian Gaming and Foundation Authority, ha dichiarato: “La conferenza ha attirato quasi 230 delegati in rappresentanza di 47 diverse giurisdizioni di gioco e 41 paesi di ogni continente. Come copresidente del comitato di pianificazione della Conferenza, credo che abbiamo raggiunto il nostro obiettivo di rendere l’appuntamento un evento veramente globale e sono lieto della diversa natura degli oratori, dei membri del panel e dei delegati. Abbiamo attratto molti nuovi oratori che hanno dato un contributo inestimabile al programma così come nuove idee sono giunte dagli oratori che hanno lavorato con noi in precedenza.

Il nostro programma intendeva sfidare e generare discussioni all’interno del tema generale ‘Facciamo una grande regolamentazione – insieme’. Il nostro primo oratore principale, Chris Brady, professore di studi di management e direttore del Centro per gli affari dello sport presso la Salford University nel Regno Unito, ci ha dato spunti di riflessione nel paragonare i regolatori e gli scommettitori agli arbitri e ai giocatori. Ranjana Adhikari, Co-head, Media Entertainment & Gaming Practice di Nishith Desai Associates, ci ha chiesto se la regolamentazione del gioco d’azzardo fosse un lavoro per Stato/Governo o industria. Il dibattito è stato illustrato dall’esempio dell’India.

Abbiamo anche affrontato temi come l’efficacia delle sanzioni; se il blocco dei pagamenti fosse uno strumento efficace nella lotta contro gli operatori illegali; i dilemmi affrontati dai regolatori e la gestione delle crisi e delle emergenze nei casinò. Da una prospettiva globale abbiamo imparato a conoscere le scommesse sportive in Africa e negli Stati Uniti, il modo in cui il gioco d’azzardo si sta sviluppando in America Latina e l’impatto del divieto pubblicitario recentemente imposto in Italia. Lootboxes; regolamentazione efficace attraverso le licenze sociali e le strategie di comunicazione del rischio; l’importanza del dialogo tra autorità di regolamentazione e industria, e se i bonus continuassero ad essere un interessante strumento di marketing, hanno tutti contribuito a un evento stimolante. Abbiamo anche rivelato i risultati del nostro primo sondaggio sui membri di IAGR, che copriva domande che vanno dalle dimensioni dei diversi regolatori, le loro aree di responsabilità e le sfide che devono affrontare. Pubblicheremo questo sondaggio sul sito web IAGR nel prossimo futuro”.

Birgitte Sand, direttrice della Danish Gambling Authority, che ha co-presieduto il comitato di pianificazione della conferenza, e il suo staff hanno lavorato instancabilmente per assicurare che i delegati sperimentatassero il meglio che Copenaghen ha da offrire. “Vorrei cogliere l’occasione per ringraziare tutti i presentatori per il loro contributo, per le intuizioni convincenti e per aver concesso il loro tempo in modo così libero”.

Alla riunione annuale dei membri generali, tre nuovi membri sono stati confermati come membri del consiglio di amministrazione della IAGR:

Dr Jason Lane, amministratore delegato della Jersey Gambling Commission, Jersey

Ben Haden, Program Director – Insight, UK Gambling Commission

Steven Ngubeni, Chief Executive Officer, Gauteng Gambling Board, Sud Africa

Trude Felde, Senior Advisor, The Norwegian Gaming & Foundation Authority servirà 12 mesi come presidente, con Paul Newson, vice segretario Liquor, Gaming e Racing NSW, Australia come vicepresidente. Bruce Molnar, Chairman, Pokagon Band Gaming Commission (USA) continua come tesoriere. Cedrick Chiloane, direttore esecutivo: Communications, Mpumalanga Economic Regulator (Sud Africa) rimane come segretario. Dale Fuga, Chief Operating Officer della Liquor and Gaming Authority di Manitoba (Canada), che ha ricoperto la carica di Presidente di IAGR per un periodo di due anni, rimane come Trustee.

I profili di tutti i fiduciari possono essere trovati sul sito web IAGR.

Montego Bay, in Giamaica, sarà la sede della conferenza IAGR dell’anno prossimo e si svolgerà dal 30 settembre al 3 ottobre 2019.

Commenta su Facebook