“Sulla questione territoriale continuo a pensare che è un tema da affrontare a livello nazionale. Dopo la pandemia diventerà operativa la legge campana, che per me rappresenta un punto di riferimento. Ci sono molti interventi che si possono prendere da esempio per la riforma nazionale. E’ una legge che sposa molte delle richieste fatte nel tempo, sia in merito ai distanziometri che ai limiti orari”. Lo ha detto Gennaro Parlati, presidente di Sistema Gioco Italia, durante l’incontro organizzato con la stampa di settore per illustrare le prossime iniziative dell’associazione.

“Verrà attivato a breve un Osservatorio al quale parteciperanno per la prima volta esponenti del settore, tra cui noi, e i rappresentanti del terzo settore. Dobbiamo farci forza e basarci sui dati che sono emersi durante la pandemia. Bisogna far emergere il ruolo degli operatori a tutela dei giocatori e della legalità – ha proseguito Parlati -. Sposo a pieno il tema della ‘qualificazione’ presente nella riforma. Noi siamo dei professionisti, chi meglio di noi è in grado di identificare il giocatore che è a rischio di ludopatia o è a un passo dal diventare problematico? Dobbiamo spingere perchè emerga con forza il ruolo di controllo del territorio che ha il settore a tutela del consumatore. Se vogliamo continuare a fare questo mestiere lo dobbiamo difendere con i denti, finchè non riusciamo a far capire alla controparte che di fatto la nostra è un’industria sana, che dà occupazione e soldi allo Stato”, ha concluso il presidente di Sistema Gioco Italia.