“Non conosco nello specifico la situazione delle aziende di gioco, la Regione Lazio ha previsto un robusto programma di aiuto per la ripartenza, con aiuti alle imprese e ai cittadini. Se è vero che le aziende di questo settore sono al momento escluse, credo se ne possa parlare”.

E’ quanto risponde ad una domanda di Jamma il presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti a proposito del fatto che le oltre 1.300 aziende di gioco legale pubblico con sede nel Lazio (oltre 12.000 tra addetti e dipendenti) non hanno accesso agli aiuti in quanto escuse in considerazione del codice Ateco a cui fanno riferimento.

 

“Se questa situazione c’è deve essere fatta presente all’assessorato delle Attività Produttive e aprire un tavolo di concertazione come per tutte le altre attività”.

I fatti a cui si fa riferimento sono stati denunciati nei giorni scorsi anche dalle associazioni di categoria degli operatori del gioco.