Non un medico e nemmeno uno psicologo. Con un decreto emanato a inizio dell’anno, il ministro della salute Giulia Grillo ha nominato come settimo membro del suo staff Claudio Belotti, un 51enne di Bergamo che guida la scietà Extraordinary insieme alla moglie. Belotti è un mental coach, un preparatore mentale che si è formato negli Stati Uniti e che da pochi giorni, in qualità di esperto, si occuperà di gioco d’azzardo patologico.  La Grillo così motivato la sua scelta, giudicata singolare in considerazione del fatto che Belotti è diplomato all’Alberghiero : “A me piacciono le novità”. Ma quanto costerà il mental coah? 35mila euro lordi in un anno. “Ci servirà come comunicatore, rendere comprensibile la sanità ai cittadini non è cosa semplice. Ho cercato tanto, ho faticato a trovare divulgatori esperti di Medicina e alla fine ho pensato che Belotti sarebbe stato il volgarizzatore giusto”. Il problema è che non sa niente né di medicina né di sanità. “Con lui stiamo organizzando le campagne sul gioco d’azzardo e le dipendenze”, ha spiegato il ministro.

Va detto che tra le aziende con cui Belotti ha collaborato ci sono alcune realtà importanti come: il Gruppo Armani, il Gruppo Angelini, Axa, Bulgari, Barclays, BMW, Credit Suisse, Google, ING Direct, IBM, l’Oreal, NH Hoteles, Patrizia Pepe, Procter & Gamble, Riva Yacht e Zurich. Fra le associazioni ed enti Pubblici: l’Amministrazione Giudiziaria Italiana, il Centro Nazionale Trapianti, Confindustria, il Consiglio Nazionale del Notariato e la Cassa Forense di Roma.