Il Consiglio comunale di Carignano (TO), durante la seduta di lunedì 26 aprile, ha preso posizione contro l’ipotesi di mettere mano alla legge regionale sul gioco d’azzardo. La mozione presentata dal gruppo di minoranza La Città che Cresce aveva sollecitato la maggioranza a porre attenzione al problema, presentando a sua volta una mozione sullo stesso tema. Appurata durante la discussione la comune posizione, si è deciso di sospendere la seduta per dare il tempo ai tre capigruppo di unificare le due mozioni.

In tal modo ha preso corpo una mozione comune, approvata all’unanimità, molto netta non solo nell’esprimere parere negativo circa l’indebolimento della legge regionale, ma anche nel proporre a Governo, Parlamento e Consiglio regionale di agire per regolare e contenere il gioco d’azzardo, e nel fare al Consiglio regionale una serie di richieste volte a rafforzare in diversi modi la lotta al gioco e ai fenomeni sociali e criminali ad esso collegati, impegnandosi anche nella formazione degli operatori su territorio e dei cittadini delle diverse età.

La mozione sarà nei prossimi giorni inviata, oltre alle istituzioni su indicate, anche ai Comuni dell’ASL TO5, al CISA31, alle associazioni impegnate sul tema e ai mezzi di informazione, con l’auspicio che possa servire a fare fronte comune e a suscitare analoghe iniziative. E’ quanto si legge su il Mercoledì.