Dal 1 gennaio 2020 le vincite al gioco d’azzardo conseguite nella Repubblica Ceca sono sottoposte a tassazione.

Entra il vigore nella Repubblica Ceca la norma che tassa le vincite al gioco d’azzardo, come previsto dalla legge del governo sulle modifiche ad alcuni atti fiscali in relazione all’aumento delle entrate del bilancio pubblico.

Il testo approvato dal parlamento, così come modificato al senato, prevede che:

  • Il gioco d’azzardo venga suddiviso nelle seguenti categorie ai fini del reddito:
  1. Lotterie e lotterie;
  2. Scommesse a quota fissa e giochi a totalizzatore;
  3. Giochi tecnici;
  4. Giochi dal vivo ad eccezione del torneo di giochi dal vivo;
  5. Tornei di giochi dal vivo e tornei su piccola scala; e
  6. Diversi dai tipi di gioco d’azzardo sopra indicati.
  • Le vincite da lotterie, lotterie e lotterie  saranno soggette a una ritenuta alla fonte, con la base imponibile pari all’importo lordo delle vincite non ridotto di alcuna spesa. La vincita singola inferiore a 1 milione di CZK sarà esentata dall’imposta. Ai contribuenti sarà inoltre consentito includere i redditi delle lotterie e delle lotterie soggette alla ritenuta alla fonte nella loro dichiarazione dei redditi e applicare l’imposta trattenuta in modo analogo a un pagamento anticipato, se tale approccio è favorevole per loro.
  • Le entrate provenienti da altri tipi di gioco d’azzardo sopra indicati saranno tassate nella dichiarazione dei redditi del contribuente come altre entrate, cioè non saranno tassate dall’organizzatore del gioco (pagatore dell’imposta) attraverso una ritenuta alla fonte. Tuttavia, la base imponibile verrà calcolata come la differenza tra le vincite totali nel dato tipo di reddito e le puntate totali (importi delle scommesse) all’interno dello stesso tipo di reddito. Se la differenza tra le vincite totali e le puntate totali da tutte le attività di gioco nel rispettivo tipo di reddito per l’intero periodo imponibile non supera 1 milione di CZK, il reddito derivante dai rispettivi tipi di gioco sarà esente dall’imposta. Non sarà possibile applicare spese diverse dalla posta in gioco per il calcolo della base imponibile.