“L’azione del Servizio Analisi Criminale della Direzione Centrale della Polizia Criminale, in sinergia con gli altri stakeholders della filiera del gioco legale, deve consentire ai consumatori finali di realizzarsi in contesti di gioco resi sicuri dalle leggi dello Stato e dal buon operato dei concessionari, laddove l’integrità, la trasparenza e l’anticorruzione stanno rapidamente diventando importanti asset aziendali. Le sale gioco intestate a prestanome, l’indotto che può derivare da un’imposizione estorsiva del singolo apparecchio sul territorio, l’avvento delle nuove tecnologie, sono tutti fattori che hanno influito sull’espansione della criminalità nel settore. Noi guardiamo più che altro alla necessità che la filiera del gioco si doti di policy di integrità aziendale. Queste forme di controllo interno vanno sviluppate enormemente”.

Lo ha detto Francesco Stampacchia, dirigente della Direzione Centrale della Polizia Criminale del Dipartimento della P.S. del Ministero dell’Interno (Criminalpol), intervenendo alla prima tappa del tour “Lottomatica Talks” sul tema della responsabilità e della tutela dei consumatori, tenutasi presso la Camera di Commercio di Trento.