Due truffatori in trasferta, due ‘professionisti’ da giorni in azione nell’area del basso Lazio e in Campania.

Due uomini, già noti alle Forze dell’ordine, sarebbero i responsabili di diverse truffe ai danni dei gestori di apparecchi da gioco installati in esercizi pubblici del Centro Italia. La tecnica utilizzata sarebbe quella del ‘pesciolino’, un dispositivo utilizzato per effettuare giocate senza introdurre la moneta.

I due, già denunciati e arrestati in passato, sarebbero già stati individuati da diversi esercenti. Uno di loro è stato immortalato dalle telecamere di sorveglianza di una sala giochi.

Articolo precedenteCalabria, Mancuso (presidente Consiglio regionale) su modifica legge giochi: “Nessuna proposta per favorire la dipendenza, siamo pronti a decidere considerando tutte le opinioni”
Articolo successivoPragmatic Play, nuove modalità di vincita con Hot Pepper™