«Bisogna chiarire come stanno le cose: l’entrata in vigore delle norme della legge del 2018 è stata finora rinviata, pertanto si è deciso di dire basta alle proroghe. Restando disponibili a ogni proposta di miglioramento e mettendo al primo posto gli interessi generali». Lo ha dichiarato in una nota il presidente del Consiglio regionale della Calabria, Filippo Mancuso (Lega), che ha aggiunto: «Stiamo valutando in queste ore, se sia il caso o meno di lasciare ai sindaci l’individuazione degli orari di apertura e chiusura delle sale. Regolamentare, è chiaro, salvaguardano la salute dei cittadini rispetto a ogni dipendenza e introducendo i necessari limiti, in linea con la normativa delle altre Regioni».

«In Consiglio Regionale – ha sottolineato Mancuso – non c’è una proposta per favorire la dipendenza. Né alcun interesse ad eliminare i vincoli minimali al gioco d’azzardo, modificando il testo legislativo n. 107. Nessuna tesi precostituita. Come sempre, il Consiglio è pronto a discutere e a decidere, attraverso un confronto nel merito, nel rispetto del pluralismo delle opinioni e tenendo senz’altro conto delle legittime preoccupazioni giunte dalla Conferenza Episcopale Calabra, da più associazioni e dalle comunità terapeutiche. Non si vuole fare alcun regalo a chi specula sulla pelle di giovani e famiglie, tutt’altro. Il contrasto a scommesse e slot e alla ludopatia è una sfida per tutta la comunità. La salute, la libertà delle persone e la lotta alle dipendenze non hanno colore politico e non possono essere merce di scambio», ha concluso il presidente del Consiglio regionale.

Articolo precedenteControlli della polizia a Colleferro, Valmontone e Artena (RM): verifiche anche in due sale scommesse
Articolo successivoSlot svuotate con la tecnica del ‘pesciolino’: è caccia all’uomo nel Lazio e in Campania (foto)