“A settembre, subito dopo l’approvazione della legge regionale sul gioco d’azzardo, lo avevo detto subito: ci voleva più coraggio, manca una vera tutela della salute delle persone. Un altro Comune Polesano, Occhiobello, si è già trovato in difficoltà perché questa nuova legge è più permissiva dei regolamenti che erano già in vigore nel territorio”. Così la Consigliera regionale Patrizia Bartelle (Veneto 2020 – Italia in Comune) che aggiunge: “Oggi Castelnovo Bariano si trova tra due fuochi: quello di chi non vuole una sala slot in centro e le norme che, a quanto pare, ne consentirebbero la realizzazione. Insomma la nuova legge è un disastro. E disastrosi sono i dati sul gioco patologico specialmente in Provincia di Rovigo la cui soluzione, a quanto pare, non sembra essere tra le priorità della politica”.