HomeCronacheDivieto pubblicità gioco d'azzardo in Spagna, Corte Suprema annulla parte della legge:...

Divieto pubblicità gioco d’azzardo in Spagna, Corte Suprema annulla parte della legge: “Restrizioni ingiustificate”

La Corte Suprema spagnola ha annullato parte del contenuto del decreto 958-2020 relativo alle comunicazioni commerciali e pubblicitarie per attività di marketing del gioco d’azzardo e delle scommesse online.

Alcune limitazioni o divieti stabiliti nella norma normativa mancano della necessaria copertura legale e, pertanto, sono annullati. È il caso degli articoli 13 commi 1 e 3 (attività di promozione rivolte a nuovi clienti); art. 15 (comparsa nella pubblicità di personaggi famosi); Art. 23 comma 1 (che stabilisce un divieto generale per la diffusione di comunicazioni commerciali attraverso i servizi della società dell’informazione; art. 25.3 (pubblicità del gioco su piattaforme di condivisione video); art. 26 commi 2 e 3 (limita la possibilità di effettuare pubblicità attraverso i media e i social network).

Per la Corte non esiste “alcuna copertura giuridica per stabilire questa limitazione che incide sull’essenza stessa della pubblicità commerciale, intesa a offrire e promuovere il prodotto o il servizio per attirare nuovi clienti. Un divieto generale con queste caratteristiche non consente di limitare la sua portata a un tipo specifico di promozione particolarmente dannosa o rivolta a gruppi vulnerabili, quindi non può essere considerato una misura proporzionale limitata a offerte e pratiche che creano elevata dipendenza e pericolose per gruppi a rischio.

“Questa limitazione non ha alcuna copertura giuridica e non è sufficiente per invocare la tutela dei minori poiché non è possibile limitare la pubblicità di portata generale a un intero mezzo nel caso in cui possa essere utilizzata da minori.”

La sentenza stabilisce che, pur rientrando nella libertà d’impresa, la pubblicità è soggetta a limiti, soprattutto in un’attività regolamentata come il gioco d’azzardo, dove l’intervento dello Stato è giustificato dalla tutela di interessi superiori, come la tutela dei minori e dei diritti dei consumatori . Inoltre, si sottolinea che tali limiti devono avere sufficiente copertura giuridica, e non possono essere regolati da standard normativi indipendenti e estranei ai criteri stabiliti dal legislatore.

Redazione Jammahttps://www.jamma.tv/
Il quotidiano del gioco legale
CasinoMania
StarCasinò
Play&Go
ZonaGioco

Articoli correlati