Viene da Fratelli d’Italia la proposta di modifica al testo del decreto Ristori in fase di conversione in legge al Senato.

I senatori De Carlo, Calandrini e De Bertoldi hanno presentato un sub-emendamento all’emendamento del Governo nel quale si prevede un contributo al 200% rispetto alla riduzione di fatturato delle imprese di gestione slot. Analogamente alle ricevitorie di Lotto, Superenalotto e Totocalcio verrebbe corrisposto un ristoro del 150% e del 200% a scommesse, casinò e altri servizi di gioco.

Le attività legate ai servizi di gioco pubblico legale sono tra le più colpite dalle restrizioni previste per contrastare la diffusione del Coronavirus. Nel secondo lockdown sono tenute alla sospensione di ogni attività almeno fino al 15 gennaio prossimo.