“Questa manifestazione è la miglior dimostrazione che ci sono centinaia e centinaia di padri di famiglia, di giovani, di persone perbene che rischiano il proprio posto di lavoro legale per colpa di una legge liberticida che ha introdotto l’abominio giuridico della retroattività. Quella stessa retroattività che oggi noi vogliamo togliere, trovando un accordo in seno alla maggioranza ma senza dimenticare nessuna categoria che ha subito gli effetti della legge del 2016. Nessuno resterà indietro o verrà escluso”. Così il presidente del gruppo Lega Salvini Piemonte, Alberto Preioni e il vicepresidente Andrea Cerutti.