“In vista di una manovra di bilancio che nei fatti ancora non esiste è difficile comprendere quello che sarà l’impatto, soprattutto di iniziative che non lasciano presagire nulla di positivo, in particolare per quanto riguarda le imprese e l’aumento delle tassazioni”.

E’ quanto dichiarato da Domenico Furgiuele (Lega) in conferenza stampa alla Camera dei Deputati parlando dei previsti nuovi aumenti del Preu che dovrebbero portare nelle casse dello Stato circa 560 milioni di euro. Risorse che il governo Conte bis intende rastrellare nel settore del Gioco di Stato a copertura della manovra finanziaria e della legge di bilancio.

“Il vostro è un settore che purtroppo è stato tartassato come se fosse il male totale che oggi attanaglia la nostra nazione, ma evidentemente non è così. Si tratta di un’impresa normale, fatta di dipendenti, un’impresa che deve avere un confronto costante con le banche. Evidentemente ci confrontiamo con un governo che aumenta le tasse, che crede che la lotta all’evasione fiscale si possa fare soltanto con la persecuzione delle piccole e medie imprese, che le considera come bancomat, un governo che evidentemente è fatto di persone che non sanno cosa è il mondo dell’impresa. La lotta all’evasione fiscale la si aiuta semplicemente se si abbassano le tasse, questa potrebbe essere una cosa banale, ma è su questo che bisogna lavorare. Il vostro è un settore bistrattato con troppa violenza verbale, nella pratica politica, e sicuramente ci metteremo a disposizione per portare avanti la vostra causa, un settore con tanti dipendenti, padri di famiglia, che non valgono gli slogan di chi dice il gioco è il male assoluto, ma valgono molto di più”.

Commenta su Facebook