La prima manovra del governo Draghi è finalmente approdata al Senato e ha iniziato così il suo iter parlamentare con l’avvio della sessione di bilancio. Il ddl deve essere convertito in legge entro il 31 dicembre, il che vuol dire che la Camera non avrà di fatto tempo per intervenire sul testo approvato il 28 ottobre scorso in Consiglio dei ministri (link alle principali misure). Lo riporta Confcommercio.

La legge di bilancio arriverà in aula al Senato il 21 dicembre per poi approdare dal 27 al 30 alla Camera. Nel frattempo è arrivato in Commissione Bilancio l’atteso emendamento del governo che recepisce alcune delle misure chieste dai gruppi parlamentari, dal taglio Irpef e Irap alle modifiche del patent box fino alla proroga di Strade sicure. Tra le proposte di modifica anche l’istituzione di un fondo per aiutare i settori del turismo, dello spettacolo e dell’auto. Rifinanziato il bonus tv e decoder e i fondi per le regioni colpite dagli incendi della scorsa estate (Calabria, Sardegna, Molise e Sicilia). Arrivano poi le nuove norme ‘salva-comuni’. Tra i temi affrontati nell’emendamento anche il Giubileo e i fondi per le scuole dell’infanzia paritarie.

L’emendamento contiene inoltre le risorse per affrontare il caro-bollette: la cifra stanziata è di 3,8 miliardi per il primo trimestre. In particolare, 1,8 miliardi serviranno ad annullare gli oneri generali di sistema per le utenze fino a 16 kwh, 600 milioni per abbassare l’aliquota Iva del gas al 5%, mentre verranno azzerati tutti gli oneri di sistema per il gas. Altri 900 milioni, poi, saranno impiegati per annullare gli aumenti per le famiglie svantaggiate. Intanto si allontana ancora per le famiglie l’uscita dal mercato tutelato dell’energia. E’ stato infatti approvato un emendamento al decreto Recovery in base al quale la scadenza del servizio di maggior tutela prevista per il 31 dicembre del 2022, con il passaggio obbligato al mercato libero dal primo gennaio 2023, lascia il posto ad un regime transitorio in cui i clienti domestici potranno rimanere ‘tutelati’ fino al primo gennaio 2024, garantendo così un percorso di uscita graduale. Le famiglie potranno rateizzare in 10 rate le bollette di luce e gas in arrivo con le fatture emesse da gennaio ad aprile 2022.

Nello specifico, in caso di inadempienza dei clienti domestici, si legge, le imprese saranno tenute ad offrire un piano di rateizzazione senza interessi. L’Arera dovrà quindi definire, nel limite di 1 miliardo, gli anticipi da riversare alle imprese per compensare le rate e le modalità di restituzione delle imprese stesse per consentire il recupero da parte della Cassa per i servizi energetici del 70% dell’anticipazione entro il 2022 e della restante quota entro il 2023.

Nuovo sistema del prelievo fiscale a 4 aliquote: l’emendamento del governo alla manovra riscrive anche il sistema delle detrazioni e introduce una clausola salva-bonus Irpef per i redditi bassi. Nel dettaglio le aliquote passano da 5 a 4 e saranno al 23% per i redditi fino a 15mila euro, al 25% per i redditi tra 15 e 28mila euro, al 35% tra 28mila e 50mila euro e 43% oltre questa soglia. Per i redditi fino a 15mila euro resta anche il bonus 100 euro, che rimane, almeno in parte, anche fino a 28mila euro per evitare che qualcuno ci rimetta con il mix tra nuova Irpef, detrazioni e assorbimento del bonus.

Arriva un fondo da 150 milioni nel 2022 per il sostegno “agli operatori economici del settore del turismo, dello spettacolo e dell’automobile, gravemente colpiti dall’emergenza Covid”. Il fondo è istituito presso il ministero dello Sviluppo economico. Entro 60 giorni dall’entrata in vigore della manovra i ministeri dello Sviluppo, della Cultura, del Turismo e dell’Economia definiscono le modalità di assegnazione e le procedure di erogazione delle risorse “nel rispetto delle norme Ue sugli aiuti di Stato” legati all’emergenza Covid.

Vengono stanziati 50 milioni da destinare al commissario straordinario all’emergenza Covid per il 2022. Secondo la relazione tecnica della misura, le risorse sono destinate “a provvedere, in particolare, agli oneri dei servizi logistici inerenti la fase emergenziale in corso”. L’emendamento del governo abroga anche l’articolo della manovra che stanziava 1,85 miliardi per i vaccini, dal momento che la somma è stata anticipata al 2021 con il decreto fiscale bis approvato due settimane fa in Cdm.

Arriva anche l’esonero dei contributi previdenziali di 0,8 punti percentuali per i lavoratori dipendenti (con l’esclusione dei rapporti di tipo domestico) con una retribuzione massima di 2.692 euro al mese, ovvero 35.000 euro annui considerando tredici mensilità. Si tratta, viene spiegato, di una misura “eccezionale” riferita solo al periodo primo gennaio-31 dicembre 2022.

Altri 100 milioni vengono stanziati in manovra per consentire la proroga degli incarichi temporanei del personale Ata della scuola legati all’emergenza Covid: la norma consente di coprire nel periodo da gennaio a giugno 2022 circa 7800 contratti a tempo determinato, se si considera il costo medio mensile lordo di circa 2.115,65 euro per ogni contratto.