“Bisogna stringere le maglie del gioco d’azzardo, non allargarle”. Questo il commento a Ilfattoquotidiano.it del primo cittadino pentastellato di Caltanissetta, Roberto Gambino, in merito alle misure previste nella legge di bilancio.

In materia di costi “spetta poi a sanità regionale e a servizi sociali comunali intervenire, specie quando il gioco si trasforma in patologia. Qui a Caltanissetta tanta gente vive centri scommesse e slot machine quasi come un rifugio. Solo i sindaci conoscono davvero a fondo le esigenze del proprio territorio”.

“Siamo usciti indenni da decine di ricorsi al Tar e ciò dimostra la bontà di quanto fatto finora”, spiega il vice di De Magistris a Napoli Enrico Panini. “Una legge nazionale potrebbe anche essere utile”, ammette, “ma l’autonomia degli enti locali deve essere salvaguardata. Non vorrei che l’obiettivo del governo alla fine sia quello di ricalcare vecchie pulsioni, cioè reperire risorse per le finanze pubbliche attraverso le nuove gare per gli operatori”.