“Con regolamento regionale, da emanarsi entro novanta giorni dall’entrata in vigore della presente legge, vengono stabilite le modalità di organizzazione, la durata e le singole materie dei corsi di cui all’articolo 7, fermo restando che tra le materie d’insegnamento va inclusa la normativa sulla ludopatia di cui alla legge regionale 14 febbraio 2014, n. 1 (Disposizioni per la prevenzione, il trattamento e il contrasto della dipendenza da gioco d’azzardo, nonché delle problematiche e patologie correlate), e ferma restando la conoscenza della lingua italiana, secondo le prescrizioni di cui alla legge vigente e fermo restando che il 50 per cento del numero di ore di durata del corso è dedicato alle materie idonee a garantire l’apprendimento delle disposizioni relative all’igiene e alla sicurezza alimentare e dei prodotti, nonché alla tutela della salute e della sicurezza del consumatore, in base anche a quanto stabilito dal codice del consumo”.

E’ quanto si legge nell’articolo 8 (Corsi professionali) del disegno di legge “Modifiche alla legge regionale 5 dicembre 2005, n. 29 (Normativa organica in materia di attività commerciali e di somministrazione di alimenti e bevande. Modifica alla legge regionale 16 gennaio 2002, n. 2 “Disciplina organica del turismo”)“, presentato ieri dalla Giunta regionale del Friuli Venezia Giulia e successivamente assegnato in II Commissione.

Inoltre, all’articolo 15 (Piano comunale di settore del commercio), si evidenzia che “la pianificazione commerciale tiene conto delle esigenze di equilibrato e armonico sviluppo del sistema distributivo, di salvaguardia e sviluppo sostenibile del territorio e dell’ambiente, nonché dell’interesse dei consumatori. A tal fine limitazioni all’insediamento di esercizi di vendita possono essere stabilite solo per le seguenti motivazioni: a) tutela del territorio e dell’ambiente, in particolare sotto il profilo dello sviluppo sostenibile, anche geografico, nonché sotto il profilo urbanistico, edilizio, incluso l’inquinamento acustico, architettonico, storico-culturale, di viabilità e la tutela della salute e ludopatia; b) tutela del pluralismo e dell’equilibrio sul territorio tra le diverse tipologie distributive, anche attraverso il recupero e la salvaguardia delle piccole e medie imprese già operanti sul territorio, in particolare nelle zone periferiche, e di limitare tali strutture in funzione di tutela della qualità del territorio in generale e della sua vivibilità, di riqualificazione di zone all’interno del centro urbano e di servizio reso ai consumatori, mirando a ottenere una più omogenea distribuzione dei servizi e di fruizione delle infrastrutture, soprattutto nelle citate zone periferiche; c) occupazionali, in ordine alla tutela dei lavoratori e delle lavoratrici del settore, anche prevedendo l’impegno del proponente ad assumere a tempo indeterminato una percentuale del personale impiegato fra lavoratori in mobilità e/o in cassa integrazione ovvero soggetti percettori della misura di inclusione attiva di cui alla legge regionale 15/2015 residenti nel Comune interessato o in quelli contermini. (…) Fermo restando quanto sancito dall’articolo 63 quinquies della legge regionale 23 febbraio 2007, n. 5 (Riforma dell’urbanistica e disciplina dell’attività edilizia e del paesaggio), i criteri di indirizzo per la scelta di localizzazione devono essere informati: a) alla salvaguardia e alla razionalizzazione della funzionalità della rete viaria primaria e secondaria; b) alla congruenza ambientale dell’intervento previsto con l’osservanza dei valori storico-architettonici, culturali, paesaggistici, naturalistici e insediativi del contesto, della tutela della salute e ludopatia e dell’impatto acustico”.

Articolo precedenteDigital Crocodiles espande il proprio network in Italia
Articolo successivoScommesse calcio, Serie A: la mina Bologna sulla strada di un’Inter in affanno, il 2 degli ospiti a 8,60 su BetFlag