“Grazie alla Lega è stato inserito un emendamento preciso nel decreto riaperture che prevede la ripresa, in sicurezza, delle attività di casinò. Ottima notizia per Venezia che dallo scorso dicembre ha dovuto chiudere le sedi di Ca’ Vendramin Calergi e Ca’ Noghera con inevitabili perdite di fatturato: 51 milioni di incassi persi nel 2020 e un passivo fra i 3 e i 4 milioni. Il rischio è altissimo sia in termini occupazionali che di fallimento senza calcolare che i nostri casinò non portano indotto economico solo in città ma anche in terraferma e in altre città venete. Bene quindi che le nostre indicazioni siano state accolte e contribuiscano a determinare le scelte del governo, sul quale non avremmo potuto di certo incidere stando all’opposizione”. Lo afferma in una nota il deputato veneziano della Lega Alex Bazzaro, consigliere comunale.

Articolo precedenteStati Uniti, vince 26 milioni di dollari alla lotteria ma perde il biglietto nella lavatrice
Articolo successivoSan Giovanni Valdarno (AR), scoperti furbetti del reddito di cittadinanza: tra questi anche chi non ha dichiarato vincite con le scommesse online per 20mila euro