I deputati del PD Stefano Vaccari (nella foto) e Virginio Merola hanno presentato un’interrogazione a risposta in Commissione, rivolta al Ministro dell’economia e delle finanze, per sapere “quanti siano stati i tagliandi di « lotterie istantanee » (gratta e vinci) venduti, rispettivamente, negli anni 2019, 2020 e 2021 e quale sia, per ciascuna annualità, il relativo valore della raccolta sia da gioco fisico, sia a distanza, le vincite, la spesa e la quota di gettito corrispondente”.

Di seguito il testo integrale dell’interrogazione: “Per sapere – premesso che: il fenomeno dei giochi d’azzardo in Italia, anche a causa di un’offerta smisurata del mercato nel corso degli anni, si è sempre più accresciuto assumendo dimensioni sociali ed economiche considerevoli; nel 2021 con pandemia da Covid-19 ancora in corso e le sale chiuse per un arco temporale importante la vendita delle cosiddette « Lotterie istantanee » (gratta e vinci) è proseguita regolarmente; secondo i dati riportati dall’Agenzia dei monopoli nel libro blu 2021, che fotografa la dimensione del settore nel costo degli anni, emerge un ritorno alla crescita per il gioco d’azzardo, dopo la « pausa » obbligata e la flessione della raccolta che si è avuta nel 2020 a causa della pandemia; la raccolta dal gioco è passata da 110,4 miliardi di euro nel 2019, a 88,2 miliardi di euro nel 2020 e poi è risalita nel 2021 a 111,17 miliardi di euro, in aumento di oltre il 25 per cento e superiore anche al periodo pre-pandemia; a crescere è soprattutto il gioco a distanza, infatti il gioco online è passato da 36,3 miliardi di euro del 2019 a 49, 2 miliardi del 2020 ed è arrivato a 67,1 miliardi del 2021. Il gioco fisico passa invece dai 74 miliardi del 2019 ai 39 miliardi del 2020 per risalire a 44 miliardi nel 2021; secondo le previsioni dell’Agenzia nel 2022 gli italiani spenderanno per le varie tipologie di gioco fino a 135-140 miliardi di euro; sempre dal libro blu 2021 si evince che degli 8,41 miliardi di euro di gettito fiscale derivante dal gioco legale in Italia, 1,74 miliardi circa derivano dalle lotterie; nonostante il report annuale contenga numerose informazioni sull’attività dell’Agenzia e in particolare sulla dimensione del gioco legale in Italia, le lotterie istantanee sono contabilizzate con quelle tradizionali e quelle elettroniche, per cui risulta difficile avere informazioni precise in merito –: quanti siano stati i tagliandi di « lotterie istantanee » (gratta e vinci) venduti, rispettivamente, negli anni 2019, 2020 e 2021 e quale sia, per ciascuna annualità, il relativo valore della raccolta sia da gioco fisico, sia a distanza, le vincite, la spesa e la quota di gettito corrispondente”.

Articolo precedentePragmatic Play partner con LiveScore Bet nei Paesi Bassi
Articolo successivoGiochi, Global Starnet: ADM sospende revoca concessione, l’attività proseguirà anche dopo il 31 dicembre