Prosegue la campagna di controllo da parte dei Carabinieri NAS sul rispetto dell’obbligo del green pass per l’accesso a determinate categorie di attività e servizi, rivolgendo particolare attenzione verso i settori ritenuti a maggior livello di rischio per possibili inosservanze. Dall’introduzione della normativa sono state ispezionate oltre 10mila attività ed esercizi, contestando 583 violazioni (pari al 5,83%) alla norma anti diffusione del Covid, delle quali 313 ai titolari dei luoghi controllati, 248 nei confronti di clienti e utenti, 22 applicate a lavoratori.

Andando nel dettaglio, 366 sanzioni sono state elevate presso strutture di somministrazione di alimenti e bevande, ossia ristoranti, pizzerie e bar, e di queste 22 sono state contestate a lavoratori dipendenti; sono invece 100 le violazioni emerse dai controlli nelle sale scommesse, sale da gioco e attività ricreative, 92 quelle nelle palestre, piscine e centri benessere, e infine 25 nell’ambito dei servizi di trasporto a lunga percorrenza. In temini pecuniari, l’ammontare complessivo delle sanzioni inflitte a chi ha violato l’obblgo è pari a oltre 250mila euro.