Nell’incontro di oggi, Harald Neumann, CEO di Novomatic AG, ha parlato dell’importanza della regolamentazione nel settore dei giochi, ma ha avvertito che un divieto assoluto su piattaforme specifiche non è la soluzione.

“Molti politici credono che i divieti di gioco siano la soluzione semplice perché il loro lavoro è finito. Ma i giocatori troveranno sempre un modo di giocare anche se è illegale. Sfortunatamente, il 20% dei politici contrari al gioco occupa l’80% della stampa e quindi l’opinione dei media è per lo più negativa. È nostro compito formarli ed educarli”.

Celebrando il suo 40° anniversario, il Gruppo Novomatic è uno dei maggiori produttori e operatori internazionali di tecnologie di gioco e impiega oltre 30.000 dipendenti in tutto il mondo. La natura globale dell’azienda significa che deve affrontare diverse sfide normative in diversi paesi.

Neumann ha citato i recenti cambiamenti in Europa che hanno avuto un grande effetto: “In totale abbiamo perso circa 300 milioni di EBITDA solo a causa di modifiche normative in Germania, Austria e aumenti delle tasse in Italia”.

Come azienda che opera solo in paesi regolamentati, Novomatic si dedica alla collaborazione con i regolatori al fine di creare sistemi che funzionino per tutti: “La regolamentazione deve essere equa per tutti i partecipanti, per l’operatore, per i governi e per i giocatori. E deve intrattenere i giocatori”.

Neumann ha sottolineato la necessità di un eccellente controllo degli accessi, in particolare per i minori, sia nel settore terrestre che in quello online, proponendo al contempo l’istituzione di leggi rigorose per punire gli illegali. Si è detto convinto che in futuro potrebbero essere presi provvedimenti in cui viene data la certificazione a coloro che sostengono eccellenti standard di protezione dei giocatori. “Secondo me, ci dovrebbe essere la certificazione per gli operatori negli spazi online e terrestri perché devi separare quelli buoni e quelli cattivi”.

E quindi esiste un modello ottimale per la regolamentazione dei giochi? Neumann ha risposto: “Penso che ci sia bisogno di regolamentazione perché il problema della protezione dei giocatori è molto importante, ma deve essere fatto in modo specifico e non inviare i giocatori ai mercati illegali. Se metti insieme il meglio di diversi paesi, forse otterrai la regolamentazione ottimale, ma al momento non conosco un paese in cui hai una regolamentazione davvero ottimale”.