Ammontano a 11,7 miliardi di euro (competenze + residui) le entrate del bilancio dello Stato da lotto, lotterie ed altre attività di gioco nel periodo tra il 1° gennaio e il 31 dicembre 2021. E’ quanto rende noto il Conto Riassuntivo del Tesoro – Incassi per entrate del bilancio dello Stato alla voce ‘Categoria V’. Rispetto al 2020, quando le entrate dal settore erano state di 9,8 miliardi di euro, c’è stata una crescita del 16,4%.

Di seguito il dettaglio riferito al 2021:

Inoltre, per quanto riguarda la Categoria VII – Proventi di servizi pubblici minori (sempre competenze + residui), allo Stato vanno 8.304.244,59 euro dal versamento di somme da parte dei concessionari di gioco praticato mediante apparecchi di cui all’articolo 110, c. 6, t.u. di cui al r. d. 18 giugno 1931, n. 773, 12.289.735.284,49 euro dai proventi derivanti dalla vendita dei biglietti delle lotterie nazionali ad estrazione istantanea (dato comprensivo delle vincite), 1.155.881.910,53 euro dai proventi derivanti dal gioco del bingo, 187.531.945,90 euro dai proventi relativi ai canoni di concessione per la gestione della rete telematica relativa agli apparecchi da divertimento ed intrattenimento ed ai giochi numerici a totalizzatore nazionale e 614.515.315,93 euro dalla ritenuta del 6 per cento sulle vincite del gioco del lotto.

Articolo precedenteCovid, da lunedì Marche in zona arancione: sale giochi, scommesse, bingo e casinò restano accessibili con green pass “rafforzato”
Articolo successivoReport Uefa: società di scommesse principali sponsor di maglia in Europa