Nel mese di settembre del 2006 è andato in distribuzione per la prima volta Jamma Magazine, da oggi è online il primo numero del sedicesimo anno con un report da 22 paesi europei sulle politiche di gioco responsabile adottate dalle diverse autorità nazionali.

L’esperienza maturata in questi anni consente di constatare quanto l’impatto sociale dell’offerta di gioco sia determinate per lo svolgimento delle attività di raccolta.

15 anni fa erano gli apparecchi automatici a dominare il mercato, sono ancora la voce più importante nei proventi di gioco per l’Erario ma la distribuzione dell’offerta è cambiata, le acquisizioni e i raggruppamenti di aziende concretizzati anche negli ultimi mesi lo dimostrano e assistiamo ad uno spostamento della domanda verso il gioco a distanza, progressivo e inarrestabile.

Sono proprio gli apparecchi da intrattenimento a subire di più registrando una tendenza in diminuzione per gli incassi.

Per fortuna si percepiscono timidi segnali di ripresa nel mercato. Si tratta di capire se dipesi dal ritorno alla normalità post-pandemia o se questi segnali annuncino l’inizio di un vero trend di crescita per la vendita del gioco pubblico.

Le buone notizie per gli apparecchi da gioco arrivano dal territorio dove sempre più amministrazioni locali sono impegnate nel ridurre l’effetto espulsivo che era venuto a determinarsi con la regolamentazione dell’offerta di gioco operata da regioni e comuni.

La modifica della legge regionale nel Lazio, così come le iniziative di Confcommercio in Toscana confermano il miglioramento dell’impatto sociale per l’offerta pubblica in presenza.

Questi sono solo alcuni degli argomenti trattati nell’edizione 177 di Jamma Magazine che è già disponibile online e in versione eBooks ai link seguenti:

Jamma Magazine
Versione online desktop e mobile
Versione e-book


Per ricevere Jamma Magazine:

abbonati
Oppure:

Articolo precedenteCommissione Antimafia, l’avvocato Montani (Università Bocconi): “Usura intra-familiare, circostanza più significativa è quella delle vittime di ludopatia”
Articolo successivoCommissione Antimafia, Endrizzi (M5S): “Usura e gioco d’azzardo patologico fenomeni legati alla disperazione”