“La riapertura è durissima dopo 15 mesi di chiusura, soprattutto considerando che questo è il periodo peggiore per il nostro settore. Sul Green Pass qualche soluzione andava presa, però non tutto può cadere sempre sulle spalle degli operatori del comparto. Una persona all’ingresso che rileva chi ha il certificato, considerando che già lavoriamo poco, comporta altri costi sempre sulle spalle degli operatori. Perchè si ritorni a parlare bene del settore e si possano risolvere le problematiche regionali bisogna confrontarsi in modo serio e costruttivo da parte di tutti. Confrontiamoci tra di noi, portiamo avanti proposte unitarie senza pensare al mantenimento del singolo orticello. Le regole devono essere uguali per tutti, non devono esserci attività essenziali e non essenziali. Con il riordino servono regole certe e una tassazione certa. Mettiamoci insieme e costruiamo un percorso unico”.

Lo ha detto il presidente di Asgi, Pasquale Chiacchio (nella foto), al panel “Riflessioni per una riforma sostenibile” nell’ambito di SBC Digital Italy.