Tabacchi
EMERGENZA CORONAVIRUS, IL GOVERNO DECRETA LO STOP A LOTTO E SUPERENALOTTOCORONAVIRUSCORONA VIRUSCOVID19COVID 19RIVENDITA DI TABACCHI E GIOCHI DEL LOTTO E SUPERENALOTTOSCOMMESSE SPORTIVETABACCHERIA

“Con la modifica alla Legge n. 3/2017 approvata il 29 novembre scorso dall’Assemblea Regionale delle Marche, l’entrata in vigore del “distanziometro” slitta al 31 luglio 2023. Il divieto di installare apparecchi da intrattenimento in locali prossimi a luoghi sensibili (500 metri per i Comuni con più di 5.000 abitanti, 300 per i Comuni con meno di 5.000 abitanti) avrebbe costretto la stragrande maggioranza dei tabaccai marchigiani a rinunciare alle slot. Ci sono invece adesso altri due anni per ragionare insieme agli amministratori locali intorno a soluzioni alternative al distanziometro. Ovunque sia stato applicato, questo strumento ha dimostrato la sua inefficacia ai fini della tutela della salute pubblica. Piuttosto che differirne periodicamente l’entrata in vigore, è pertanto necessario e opportuno abbandonarlo del tutto circoscrivendo poi il gioco tramite slot in esercizi qualificati come le tabaccherie. Dopo aver messo al sicuro i tabaccai marchigiani, è questo il solco che i nostri rappresentanti sindacali seguiranno nel portare avanti il dialogo con l’amministrazione regionale. Un dialogo che non potrà non tenere conto di quanto farà nei prossimi mesi il legislatore nazionale. Che veda presto la luce una apposita legge-delega tesa al riordino della materia dei giochi pubblici non è più un mistero. È pertanto ragionevole pensare che entro il 2023 ci saranno delle regole uniformi per tutto il territorio nazionale, regole che comporteranno necessariamente il superamento delle singole disposizioni regionali”. E’ quanto scrive in una nota il Sindacato Totoricevitori Sportivi.

Articolo precedenteBilancio 2022. Perosino (FI): “Proroga concessioni slot e scommesse al 30 novembre 2022 tenendo conto dei periodo di chiusura per il COVID”
Articolo successivoBilancio 2022. Forza Italia: “Fino all’adozione del Testo Unico sui giochi sospendere gli effetti espulsivi delle norme regionali e comunali”