L’organizzazione che riunisce i maggiori concessionari di lotterie in Europa, la European Lotteries (EL), ha pubblicato il suo Rapporto annuale 2020, che descrive “un anno come nessun altro” a seguito dell’impatto della pandemia di COVID-19 sulle lotterie in Europa e nel resto del mondo.

EL ha dichiarato: “Il 2020 è stato un anno come nessun altro. Poiché la pandemia di COVID-19 ha portato all’Europa e al resto del mondo la più grande crisi sanitaria, economica e sociale della storia moderna, nel giro di poche settimane, il mondo della lotteria ha visto chiusure complete delle sue operazioni per proteggere i giocatori, dipendenti e rivenditori della lotteria.

“Tuttavia, le lotterie nazionali hanno mantenuto il loro storico sostegno alla società nei momenti di bisogno. I membri di EL hanno continuato a rispettare i loro valori fondamentali di responsabilità, sostenibilità e integrità sostenendo le comunità locali, dall’offerta di soccorso e il finanziamento di attrezzature mediche alla creazione di fondi di emergenza e assistenza sociale e aiutando i più vulnerabili nei momenti di bisogno”.

EL ha osservato che dopo la decisione del suo comitato esecutivo nel marzo 2020 di continuare a fornire servizi EL ai suoi membri nonostante la pandemia, si è rapidamente adattata alla “nuova normalità”.

Ha trasformato gli eventi fisici in incontri online, con webinar incentrati su argomenti come marketing , scommesse sportive , affari legali e CSR, gioco responsabile e sicurezza. In totale, ha organizzato otto webinar in 23 giorni con oltre 1.000 partecipanti. Anche la Corporate University (ELCU) è diventata virtuale con entrambi i moduli Executive e Induction.

L’organizzazione ha inoltre lanciato un nuovo sito Web e una piattaforma di e-learning per tutti i membri disponibili in quattro lingue con moduli generali sull’efficacia personale e moduli sulla CSR e formazione per professionisti delle risorse umane.

Il presidente di EL Hansjörg Höltkemeier ha commentato quanto fosse orgoglioso del fatto che l’organizzazione fosse stata in grado di adattarsi rapidamente alla “nuova normalità” imposta dalla pandemia.

Ha detto: “Non ho dubbi sul fatto che la pandemia globale abbia avuto un impatto significativo sul settore delle lotterie. Nel 2020 nel giro di poche settimane, le aziende e la società si sono fermate quasi del tutto nel tentativo di fermare il virus: abbiamo visto la completa chiusura delle operazioni della lotteria, azioni prioritarie per proteggere i giocatori, i dipendenti e i rivenditori della lotteria e campagne della lotteria adattate per supportare il settore sanitario. Sono orgoglioso che il lavoro di EL sia continuato in modo professionale, qualunque cosa sia accaduta.

“Da riunioni virtuali ed eventi online di successo a un nuovo sito Web e piattaforma di e-learning, EL si è rapidamente adattata alla ”nuova normalità”. Non vedo l’ora di continuare il nostro lavoro insieme e il momento in cui potremo incontrarci tutti insieme di persona”

Il Comitato Esecutivo ha continuato il suo lavoro e ha definito gli obiettivi strategici per il 2020, con il programma di supporto per i membri EL non certificati secondo il Framework del gioco responsabile (RG) era uno di questi progetti. Recentemente, la certificazione RG obbligatoria è stata adottata dall’Assemblea Generale di EL 2021 e dalla Risoluzione EL sulla CSR.

La difesa degli interessi dei membri ha continuato a essere un importante compito statutario dell’EL nel 2020, poiché l’organizzazione ha adattato le attività e reinventato le sue operazioni.

Gli scambi si sono svolti online con i funzionari dell’UE su argomenti come il Digital Services Act e si è tenuto un webinar sotto il prestigioso patrocinio della Presidenza (allora croata) del Consiglio dell’UE sull’importante ruolo delle lotterie nazionali durante una crisi.

Sotto la guida del Public Affairs Coordination Working Group, EL ha unito le forze con la European Casino Association e la World Tote Association per pubblicare una lettera aperta sulla lotta al gioco d’azzardo illegale online.

Arjan van t’Veer , segretario generale di EL, ha aggiunto: “Quando sono tornato a casa la sera del 10 marzo 2020, non mi aspettavo di non vedere più l’ufficio di EL a Bruxelles né l’intero team di EL per più di un anno.  E che anno è stato!

“Su richiesta del Comitato Esecutivo, abbiamo continuato il lavoro e modificato tutte le nostre attività per renderle online. Il messaggio e il servizio ai nostri membri non sono cambiati, solo il canale per raggiungerli. Sono orgoglioso del team di EL che ha continuato a servire i membri di EL con la stessa dedizione e calore di prima della pandemia. EL ha aperto nove uffici e ha funzionato perfettamente.

“Quest’anno ricco di eventi senza precedenti mi ha insegnato più che mai ad apprezzare e a godermi le cose che dai così facilmente per scontate; famiglia e amici, salute, libertà, le piccole cose. Devi godertelo al massimo perché ti può essere portato via in un istante.”