haijer
Print Friendly, PDF & Email

(Jamma) – In vista del Consiglio europeo delle telecomunicazioni dell’8 giugno, in cui sarà discusso il progetto di regolamento sulla privacy elettronica (ePR) dell’UE, un gruppo di 57 associazioni industriali digitali ha inviato una lettera congiunta ai ministri dell’UE sollecitandoli a garantire coerenza tra il regolamento sull’e-privacy e il regolamento generale sulla protezione dei dati (GDPR) recentemente introdotto, entrato in vigore il 25 maggio.

L’iniziativa, coordinata dall’EGBA (European Gaming and Betting Association), invita i ministri dell’UE a garantire che le norme sulla privacy dell’UE siano coerenti per consentire un elevato livello di protezione della privacy per i consumatori e la chiarezza giuridica per le imprese riguardo all’elaborazione e applicazione dei dati.

“In seguito ai recenti scandali sulla privacy, è fondamentale che l’UE ripristini la fiducia dei consumatori e rassicuri i consumatori che i loro dati sono protetti e processati responsabilmente dalle società digitali. La recente introduzione del GDPR è una pietra miliare significativa nel contribuire a ricostruire tale fiducia.

Quindi è essenziale che ulteriori norme sulla privacy elettronica siano coerenti con il GDPR in modo da evitare l’incertezza del diritto sia per le imprese che per i consumatori” ha detto Maarten Haijer, Segretario Generale, EGBA.
Commenta su Facebook