Confesercenti chiede sostegni adeguati alle perdite realmente subite e ai costi fissi sostenuti, credito immediato e un piano per permettere alle imprese di ripartire in sicurezza.

Noi imprese siamo il motore dell’economia e del lavoro. Solo se ripartiamo, riparte l’Italia. Abbiamo bisogno di più di ciò che ci è stato finora dato.

395 i giorni passati dal primo lockdown. 80 milioni di euro il fatturato perduto ogni giorno in più di zona rossa. Accelerare sul vaccino è indispensabile, ma non basta.

Serve un “Decreto Imprese” con sostegni adeguati e credito immediato. Soprattutto serve un piano per ripartire. Restituiteci il Futuro: vogliamo tornare a lavorare e lo possiamo fare in sicurezza.

E’ questo l’appello lanciato da Confesercenti attraverso una petizione.

Firma la Petizione

Articolo precedenteBetting, Tribunale di Termini Imerese assolve titolare di sala scommesse
Articolo successivoSlot. Durigon al Messaggero: “Si sta lavorando a riduzione Prelievo erariale e proroga concessioni fino al 2026”