CNA, Confartigianato e Casartigiani esprimono giudizio positivo sul decreto legge n.127, che estende l’ambito applicativo del Green Pass ai luoghi di lavoro. Il provvedimento – sottolineano le Confederazioni – rappresenta la soluzione attesa per garantire la continuità delle attività economiche, consentire al Paese di ripartire in sicurezza, accelerare la campagna vaccinale e scongiurare ulteriori restrizioni.

Per le imprese con meno di 15 dipendenti, la normativa prevede la possibilità di sostituire il lavoratore sospeso non in possesso del Green Pass per un periodo massimo di 10 giorni, rinnovabili una sola volta.

Ma, nonostante la nuova formulazione contenuta nel decreto CNA, Confartigianato e Casartigiani ritengono necessari ulteriori chiarimenti su numerosi aspetti applicativi del provvedimento.

E’ indispensabile – sostengono – superare incertezze e ambiguità, con l’obiettivo di garantire insieme la salute delle persone e il rilancio dell’economia e non vanificare l’impegno e i grandi sacrifici che i cittadini e gli imprenditori si sono assunti dall’inizio della pandemia.