Il comparto dell’Amusement, ovvero degli apparecchi da puro intrattenimento sta vivendo una situazione di grande incertezza che rischia di mettere in una situazione di grave difficoltà migliaia di piccole e medie imprese che hanno deciso di investire in questo settore.

Il pocesso di ‘riordino’ che il regolare intene promuovere infatti risulta essere meno agevole di quanto si potesse pensare. La pubblicazione del decreto di regole tecniche e la successiva circolare di chiarimento a firma dell’ADM implica una serie di problematiche a cui nessuno al momeno riesce a dare una risposta chiara.

A riprova di questa incertezza e della impossibilità di una rappresentare in un unico organismo la molteplicità dell situazioni e i diversi punti di vista la nascita, in queste ultime settimane, di un corsorzio a cui hanno aderito molti imprenditori attivi nella distribuzione di apparecchi meccanici.

Nato inizialmente come gruppo spontaneo di confronto, il consorzio ‘debutta’ , se così si può dire, con una riunione in uno spazio virtuale che si terrà nei prossimi giorni. Già molto nutrito l’ordine del giorno con una serie di tematiche che vanno dalla illustrazione delle finalità del consorzio alla presentazione del Direttivo e dei collaboratori (Commercialista, Legale, ecc …). Quindi, a seguire l’intervento del Commercialista/Fiscalista, del consulente legale, gli obiettivi del Consorzio, illustrazione dell’iter per certificare le macchine nel caso in cui la normativa non venga modificata (che poi sarebbe il primo obiettivo degli operatori). Da qui il tema della tassazione.

L’appuntamento è previsto per il prossimo 26 ottobre alle ore 18.00.