Si è tenuta nella serata di ieri una riunione degli Stati Generali dell’Amusement, a cui hanno partecipato anche i gestori delle sale Esports che nei giorni scorsi sono stati interessati dai controlli e quindi dai provvedimenti di sequestro disposti dall’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli.

Le organizzazioni di rappresentanza degli operatori dell’automatico, insieme a quelle che riuniscono sale bowling e parchi, hanno potuto confrontarsi sulla situazione relativa alle procedure di certificazione e rilascio delle autorizzazioni per gli apparecchi di puro intrattenimento.

Secondo quanto Jamma è in grado di riferire argomento principe è stato quello delle obblighi estesi anche alle apparecchiature da gaming utilizzate nelle sale Lan che, per i gestori delle strutture, non sarebbero da equipare agli apparecchi da intrattenimento.

Relativamente a questi ultimi invece va detto che il nodo del rilascio delle omologhe non è ancora stato sciolto. Sono molte le aziende che attendono ancora il nulla osta che consentirebbe loro di commercializzare gli apparecchi senza vinciata in denaro.

Articolo precedenteCatania: scoperta sala da gioco abusiva priva della tabella dei giochi proibiti, denunciato e sanzionato il titolare
Articolo successivoGioco d’azzardo online, Malta chiede all’Ungheria di fornire chiarimenti su proposta di legge e criteri di esclusione