La Serie A, dopo appena 90 minuti di gioco, ha già messo in mostra alcune certezze. La prima è che quattro squadre sono davanti al resto del gruppo per ciò che riguarda la corsa allo scudetto: Inter, Napoli, Juventus e Milan non solo hanno vinto ma convinto con prestazioni di alto livello.

I nerazzurri, per gli esperti Sisal, restano in pole, a 3,00, per centrare il titolo. Il mercato, ancora non concluso, ha regalato a Simone Inzaghi una grande varietà di opzioni che, in una stagione lunga, possono diventare decisive. In mezzo a tante novità la certezza di Lautaro Martinez, leader tecnico ed emotivo essendo il nuovo capitano dell’Inter. Un passo dietro ai nerazzurri si piazzano i campioni d’Italia del Napoli, offerti a 4,00 per il bis scudetto. Anche Garcia riparte da un punto fermo come Victor Osimhen, doppietta a Frosinone, che si preannuncia il solito trascinatore per gli azzurri. Il tecnico francese è consapevole che la concorrenza è aumentata ma è convinto di avere in mano le carte per tenersi il tricolore sul petto.

Dalle conferme alla voglia di riscatto. La Juventus, e Dusan Vlahovic, vogliono riprendersi tutto dopo un’annata travagliata sotto tutti i punti di vista. I bianconeri ripartono dal bomber serbo e Federico Chiesa i quali hanno mostrato come, risolti i problemi fisici, possano fare la differenza. Allegri vuole riportare la Juventus, che non vince lo scudetto dal 2020, sul tetto d’Italia: un’impresa data a 4,50. Appaiato in quota ai rivali di sempre c’è il Milan, completamente rivoluzionato, che ha mostrato a Bologna come i nuovi arrivi si siano già integrati perfettamente. Stefano Pioli è consapevole che non saranno sempre tutte rose e fiori ma elementi come Reijnders, Loftus-Cheek e Pulisic sono entrati immediatamente nella mentalità della Serie A e, soprattutto, del Diavolo.

Il resto delle pretendenti al titolo parte decisamente indietro a cominciare dalle due formazioni capitoline che hanno racimolato un punto complessivo nella prima giornata di campionato. La Lazio si è fatta rimontare, come nel campionato scorso, dal Lecce mentre la Roma non è andata oltre un pari interno con la Salernitana. Lo scudetto che torna nella capitale, da una sponda o l’altra del Tevere, pagherebbe 16 volte la posta. Atalanta, a 20, e Fiorentina, a 66, nonostante l’ottimo esordio al momento sembrano lontane dalla lotta scudetto.

Sisal ricorda sempre che il gioco è vietato ai minori e che bisogna giocare sempre con consapevolezza e moderazione.

Articolo precedenteLegge di Bilancio, 1 miliardo di euro dai giochi online?
Articolo successivoIGT e St. Croix Casinos collaborano per il lancio di PeakBarTop Cabinet con scommesse sportive