Il capo ad interim della Commissione ucraina per la regolamentazione del gioco d’azzardo e delle lotterie (KRAIL) Olena Vodolashko (nella foto) ha affermato che “l’isolamento e l’escusione di operatori russi dal mercato del gioco d’azzardo” è la priorità chiave per la sua commissione.

In una intervista con l’agenzia di stampa Ukrinform , Vodolashko ha delineato i punti chiave del lavoro del KRAIL per regolare l’industria del gioco d’azzardo in questa difficile fase in cui il Paese è in guerra con la Russia. Il mercato del gioco d’azzardo regolamentato è relativamente nuovo in Ucraina, essendo stato legalizzato solo nell’agosto 2020 . 

Il KRAIL in questi ultimi mesi ha dovuto intensificare i rapporti facendo appelli alla comunità internazionale dei giochi, ha interrotto ogni relazione commerciale con la Russia, applicato sanzioni alle entità russe e una forte attenzione al riciclaggio di denaro. La legge del 2020 per legalizzare varie forme di gioco d’azzardo in Ucraina includeva già regole contro l’ingresso nel mercato di imprese controllate dalla Russia , a causa dell’occupazione russa della Crimea. “Dal 24 febbraio, la nostra priorità è diventata l’isolamento della Russia nella sfera del gioco d’azzardo”, ha affermato Vodolashko. “La commissione ha invitato la comunità internazionale del gioco d’azzardo ad aderire alle sanzioni e limitare la partecipazione ai giochi dei residenti della Federazione Russa con l’introduzione di modifiche appropriate alle regole degli organizzatori del gioco d’azzardo”. Un altro obiettivo è stato una campagna contro le organizzazioni di gioco d’azzardo collegate alla Russia, come l’operatore di scommesse online 1xBet. KRAIL ha ricevuto alcune critiche dalla stampa ucraina per essersi mossa troppo tardi nel rimuovere 1xBet dal mercato, con la licenza che alla fine è stata annullata dalla società in seguito all’intervento del presidente ucraino Volodymyr Zelenskyy. Vodolashko ha difeso il lavoro della Commissione al riguardo. “La nostra priorità è la legalità, la trasparenza e imparzialità”, ha affermato. “Abbiamo leggi e condizioni di licenza chiaramente definite: lavoriamo in base a queste. Il nostro obiettivo non è tacere, ma essere efficaci. Dopo aver ricevuto conferme documentali dal Bureau of Economic Security, è stata immediatamente presa la decisione di annullare la licenza”. Il capo del KRAIL ha anche sottolineato gli sforzi dell’organizzazione nell’appellarsi alla più ampia comunità europea come un modo per portare avanti il ​​suo messaggio: “La Commissione ha anche fatto appello al Forum europeo delle autorità di regolamentazione del gioco d’azzardo (GREF) per sostenere l’Ucraina e diffondere informazioni pertinenti sull’aggressione militare russa”, ha affermato.“Anche l’Associazione delle lotterie europee (EL) ha sostenuto il nostro Paese e ha sospeso l’adesione degli operatori della lotteria di Russia e Bielorussia. Abbiamo anche fatto appello ai rappresentanti delle società straniere fornitrici di software in merito alla cessazione della partnership e dei rapporti commerciali con la Federazione Russa”.

Articolo precedenteScommesse, Donne in Gioco e Agire: “Nuove norme introdotte da ADM incentivano la compulsività e alimentano la ludopatia”
Articolo successivoLotteria degli Scontrini, estrazione settimanale del 29 settembre: ecco i codici vincenti