Se un settore va bene per per riscutere le tasse deve anche essere messo in condizioni di produrre reddito. Lo ha evidenziato il deputato Antonio Tasso (Misto) nell’ambito della discussione generale sul Dl Riaperture alla Camera in merito alla ripartenza delle attività di giochi e scommesse.

“Riapertura: in senso generale del termine, ciò significa riattivare l’attenzione anche su tutte quelle problematiche, grandi e piccole, che ci sono, che ci vengono segnalate costantemente e che noi riportiamo con eguale perseveranza all’attenzione degli organi competenti; quindi rileviamo con soddisfazione, finalmente, che viene prestata la giusta attenzione ad un settore probabilmente un po’ trascurato in passato, che è quello del gioco autorizzato e legale. Diciamoci la verità: è un settore, come ho detto prima, poco attenzionato e notevolmente penalizzato. Li abbiamo visti questi operatori, nelle piazze adiacenti a questo palazzo, manifestare, chiedere attenzione per un’attività che ha sofferto moltissimo il regime restrittivo messo in atto e il cui problema, lo ripeto ancora una volta, è stato considerato marginalmente.

Se – questa è una riflessione che faccio da diverso tempo – un settore va bene per riscuotere le tasse, allora deve essere messo in condizione di poter produrre reddito e permettere il sostentamento a chi con quel reddito ci deve vivere. Con i prossimi provvedimenti a sostegno delle aziende io credo che bisognerà prestare attenzione a questo settore e fornire gli opportuni aiuti per poter rilanciare il proprio lavoro”, conclude Tasso.