Credo che non si possa considerare un dipendente di una impresa di gioco lecito meno dignitoso e meno degno di rispetto di quello di qualsiasi altra impresa. Lo ha detto il deputato di Forza Italia oggi nel corso di un Convegno alla Camera. “Credo ridicolo che si definisca chi scommette un ludopatico e poi si faccia la lotteria dello scontrino. Bisogna benedire le imprese di gioco che assumono e danno lavoro e fanno economia mentre vengono tacciate come lo sterco del diavolo. Il gioco legale ha letteralmente annullato quello illegale. Quando c’è ludopatia bisogna intervenire con strutture adeguate”, conclude Ruggieri.

Advertisement

Ascolta l’intervista completa