beccalossi

“Un’ottima notizia, che conferma la validità della legge lombarda contro la ludopatia. La distanza di 500 metri dai luoghi sensibili rappresenta un vero baluardo contro il proliferare delle sale slot, alla faccia di chi a Roma continua a combattere l’azzardo patologico solo a parole e, anzi, continua a puntare sulle entrate fiscali garantite dal gioco”.

Lo dichiara Viviana Beccalossi, consigliere regionale del gruppo misto e autrice della legge Lombarda contro la ludopatia approvata nel 2013, commentando la sentenza del Tar, che ha riconosciuto il provvedimento urbanistico dei 500 metri dai luoghi sensibili per impedire l’apertura di una sala a Verano Brianza (MB).

“Il messaggio della legge lombarda è ancora chiaro -prosegue Viviana Beccalossi- e dice che le macchinette devono stare lontano da scuole, ospedali, oratori e centri sportivi, di fatto proteggendo i centri abitati dal proliferare delle slot”.

“Fa piacere -conclude- che in attesa di ricevere un aiuto da Roma che continua a non arrivare nonostante le promesse, i sIndaci lombardi abbiano ancora un punto di riferimento nella nostra legge per combattere questa piaga sociale”.

Commenta su Facebook