Ippica

Primo incontro stamani all’ippodromo Caprilli tra i funzionari del MIPAF, giunti appositamente da Roma, e i tecnici del Comune, alla presenza del sindaco Salvetti e dell’avvocato Silvio Toriello, AD di Sistema Cavallo, società aggiudicataria del bando per la gestione del l’impianto, per verificarne le condizioni in vista della prossima riapertura.

Nel corso del lungo e accurato sopralluogo è emersa in maniera chiara la qualità del lavoro di funzionalizzazione portato avanti dall’amministrazione attraverso gli appalti e le ditte che hanno curato la parte verde, quella edile ed impiantistica. Dai controlli che hanno interessato le strutture murarie (tribune, palazzina della Direzione con sala fantini e sala bilance, poste di insellaggio, pista da corsa e da allenamento, torretta Commissari e foto-finish, e scuderie), non sono emerse criticità rilevanti, come risulta dal verbale redatto dalla Commissione ministeriale, ma solo alcune raccomandazioni in merito agli steccati che delimitano la pista.

Al primo sopralluogo ne seguiranno altri con il coinvolgimento dell’associazione fantini e degli allenatori, appare evidente comunque che le possibilità di rivedere svolgersi riunioni di corse entro il mese di luglio sono in crescita esponenziale.

«È andata molto bene», dice il sindaco Luca Salvetti, spiegando che «a breve torneranno con l’associazione dei fantini e degli allenatori». Per il momento al Caprilli manca una parte dello steccato, ma dovrebbe essere questione di giorni. Lo scrive Il Tirreno.

«La pista – aggiunge Salvetti – è in condizioni migliori rispetto a quelle di altri ippodromi aperti. Le riunioni in programma sono sei e slitteranno di due settimane rispetto al previsto, quindi si dovrebbe partire a fine mese. E non lo nascondo, il 15 agosto voglio rivedere la Coppa del Mare».I lavori di rifunzionalizzazione dell’ippodromo Caprilli sono stati diretti dall’ingegnere Giorgio Niccolai, ex assistente arbitrale di serie A. Salvetti fa sapere che, in caso di necessità, la società che si è aggiudicata la gestione dell’ippodromo per i prossimi due anni (Sistema Cavallo) sarebbe disposta a «spostare le corse al galoppo da Follonica a Livorno».

«Torniamo a correre quest’estate, poi ci presenteremo al ministero con un biglietto da visita importante per il futuro. La gestione dell’ippodromo? La speranza è che il nuovo gestore riunisca le corse e gli eventi in un’unica strada. Intanto per i prossimi due anni, poi stiamo lavorando a un progetto più organico con l’obiettivo di coinvolgere tutta la città».