Print Friendly, PDF & Email

(Jamma) – Il sindaco di Livorno Filippo Nogarin prosegue la battaglia contro le slot machine. Dopo che il Tar aveva bocciato la decisione dell’amministrazione di vietare nuove sale a meno da 500 metri dai luoghi sensibili, il primo cittadino è tornato all’attacco: orario ridotto e multe salate per chi non rispetta la nuova ordinanza firmata venerdì 4 agosto.

“In Toscana – scrive Nogarin sulla sua pagina Facebook – ci sono circa 30mila persone affette da gioco d’azzardo patologico e, secondo i dati raccolti dall’agenzia regionale di sanità, la Provincia di Livorno risulta avere numeri ancora più preoccupanti rispetto alla media nazionale. A destare particolare allarme sono le così dette macchinette mangiasoldi: video lottery, slot machine e video poker”.

“In qualità di responsabile della salute e della sicurezza pubblica – prosegue – ho deciso di firmare un’ordinanza contingibile e urgente per limitare gli orari di apertura delle sale slot in città. Le sale gioco potranno stare aperte tutti i giorni dalle 10 alle 13 e dalle 17 alle 23, mentre i titolari dei locali che hanno al loro interno le cosiddette “macchinette mangiasoldi”, potranno tenerle accese nella stessa fascia oraria. Chi non rispetterà questa disposizione rischia fino a 500 euro di multa. Una misura certo non sufficiente, ma che vuole essere un chiaro segnale di dove vuole andare questa amministrazione per tutelare la salute pubblica”.

Commenta su Facebook