Quattro stati federali (Renania Settentrionale-Vestfalia, Baviera, Berlino e Amburgo) sembrano intenzionati ad accettare una sorta di compromesso in materia di regolamentazione dell’offerta di gioco d’azzardo online. 

I quattro stati federali stanno discutendo una proposta preliminare secondo la quale l’offerta di gioco d’azzardo online sarebbe ritenuta lecita se il fornitore implementa tutte le regole tecniche e i requisiti del nuovo trattato statale (non ancora ratificato) che al momento attualmente. Ciò non si applica alle normative che non possono ancora essere attuate a causa della mancanza di infrastrutture statali. Queste regole devono essere osservate dal 1 ° ottobre 2020 al luglio 2021, quando la nuova legge sarà in vigore a tutti gli effetti.

Si tratterebbe di una sorta di amnistia, a patto che gli operatori rispettino le disposizioni previste tra cui limiti rigorosi su depositi e puntate e l’obbligo per i giocatori di avere conti separati per le diverse offerte. 

Un portavoce della Cancelleria di Amburgo, che è stato uno dei più severi nel perseguire gli operatori dei casinò online non autorizzati, è sembrato essere disponibile alla misura come soluzione di compromesso.

Ha riconosciuto che la situazione di incertezza non può  continuare e che è necessario un compromesso.

Tuttavia, il Federal Gambling Advisory Board, che fornisce consulenza agli Stati in merito al problema del gioco d’azzardo, si oppone a tale periodo di transizione.

Il Vice Presidente, Konrad Landgraf, ha dichiarato: “Chiediamo chiaramente che i fornitori di giochi prima illegali non siano tollerati e che possano ottenere una licenza solo dopo un periodo di buona condotta. In un colpo solo le aziende che offrono giochi d’azzardo illegali dall’estero sarebbero legalizzate. “