“Nel 2010 il mercato è stato aperto e nel 2019 è stata creata una autorità unica per l’online e il terrestre. Il mercato delle scommessesportive è esploso, forse anche grazie alla regolamentazione. Le regole fanno bene al mercato e la regolamentazione deve essere flessibile, deve stare al passo della realtà del mercato e delle aspettative sociali. Dobbiamo essere in grado di adattare il nostro strumento di cui disponiamo alle esigenze. Ci sono due aree in cui dobbiamo migliorare, mi riferisco al divieto di fare pubblicità rivolgersi ai minori e ai giovani adulti e su questo problema, per noi,  deve ancora essere risolto. Il secondo punto è la lotta alla offerta illegale. Se abbiamo una regolamentazione efficiente questa deve anche contrastare l’illegale. Serve una, a questo scopo, una collaborazione europea. Abbiamo bisogno di strumenti legali di altro tipo, più flessibili, di livello più basso”. Lo ha dichiarato Isabelle Falque-Pierrotin, presidente dell’Autorità Nationale des Jeux (Francia), nel corso di SBC Digital Italy in una sessione dedicata al “Ruolo del regolatore nel contesto socio politico”. “Noi siamo responsabili completamente responsabili di questo settore e vogliamo rafforzare la cooperazione con le controparti delle altri settori, in una ottica di patto sociale”, ha concluso.