E’ stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale il DL n. 172/2021 cd. “Super Green Pass”, approvato mercoledì in Consiglio dei Ministri. Nella versione definitiva, il testo è composto da 10 articoli, con cui il Governo ha previsto nuove disposizioni volte ad affrontare l’emergenza pandemica. Lo riporta Fipe.

Tra le novità di maggiore interesse per il settore dei pubblici esercizi si segnalano:

per sale giochi, bingo, scommesse e casinò il certificato verde rafforzato (no tamponi) sarà valido in zona gialla e arancione dal 29 novembre, in zona bianca dal 6 dicembre al 15 gennaio.

a partire da lunedì 29 novembrenelle zone gialla e arancione troveranno applicazione le disposizioni concernenti la zona bianca, ma alle attività potranno accedere solo i soggetti in possesso del c.d. “super green pass (no tampone), oltreché i minori di anni 12 e i soggetti esenti dalla campagna vaccinale.

dal prossimo 6 dicembre e fino al 15 gennaio 2022 la disciplina del “super green pass” troverà applicazione anche in zona bianca;

la modifica – applicabile solo a partire dal prossimo 15 dicembre – della durata della validità delle certificazioni verdi attestanti l’avvenuta vaccinazione, ridotta da 12 a 9 mesi;

un rafforzamento delle attività di controllo, mediante, tra l’altro, l’adozione di un piano, da parte del Prefetto territorialmente competente, per l’effettuazione costante di controlli, anche a campione da parte delle forze di pubblica sicurezza.

Scarica qui tutte le regole sul green pass e green pass rafforzato per bar, ristoranti e gli altri Pubblici Esercizi!.

*Sono sempre applicabili:

1. il Protocollo condiviso di regolamentazione delle misure per il contrasto e il contenimento della diffusione del virus Covid-19 negli ambienti di lavoro del 6.04.2021, recepito con Ordinanza del Ministero della Salute del 21.05.2021;

2. le Linee guida per la ripresa delle attività economiche e sociali del 28.05.2021 recepite con Ordinanza del Ministero della Salute del 29.05.2021 (cfr. check list FIPE ristorazione e giochi). In data 13.10.2021 la Conferenza delle Regioni e delle Province autonome ha rivisto e aggiornato le linee guida. Sul testo si è pronunciato il CTS che ha richiesto alcune modifiche e integrazioni. Conseguentemente, all’ordine del giorno della seduta della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome del 18.11.2021 vi era una nuova revisione delle linee guida. Si rimane in attesa di un’Ordinanza del Ministero della Salute che recepisca il testo, per farlo dunque diventare efficace.