Print Friendly, PDF & Email

(Jamma) – Dl Mezzogiorno, la Commissione Bilancio del Senato ha giudicato ammissibili una serie di emendamenti che ricorrono all’aumento del prelievo sugli apparecchi per finanziare interventi di sviluppo e sostegno delle aree disagiate.

Si tratta delle proposte di modifica Mandelli (Fi), Santini (Pd) e Bellot (Misto) per assegnare un contributo extra alle Province delle regioni a statuto-ordinario “che alla data del 30 giugno-2017 non hanno adottato lo schema di bilancio 2017 a causa dello squilibrio di parte corrente per le funzioni fondamentali” (aumento del Preu sulle Vlt al 7%); Pezzopane (Pd) per destinare nuove risorse ai comuni colpiti da eventi sismici (aumento del preu sulle Vlt al 7%); Orrù (Pd) per assegnare una “compensazione parziale dei danni economici subiti dalla società digestione dell’aeroporto di Trapani Birgi per le limitazioni imposte all’attività aeroportuali civili dalle operazioni militari conseguenti all’applicazione della risoluzione n. 1973 dell’ONU” (aumento Preu sulle Vlt al 6,2%); e Micheloni (Pd) sui rimborsi alle le agenzie di viaggio stabilite fuori dall’Unione Europea (aumento del Preu sulle Vlt al 6,5%). Le proposte di modifica verranno adesso votate nel corso delle prossime sedute.

 

DL Mezzogiorno, sull’art. 4-bis.:

Agli oneri derivanti dall’attuazione della presente articolo valutati in 333 milioni annui per il triennio 2018-2020 si provvede ai sensi della disposizione di cui al presente comma. Il direttore dell’Agenzia delle dogane e dei monopoli entro trenta giorni dalla data di entrata in vigore della presente legge, adotta, con propri decreti, tutte le disposizioni in materia di giochi pubblici utili al fine di assicurare maggiori entrate, potendo tra l’altro variare la misura del prelievo erariale unico sugli apparecchi da intrattenimento di cui all’articolo 110, comma 6, lettere a) e b), del regio decreto 18 giugno 1931, n. 773, nonché la percentuale del compenso per le attività di gestione ovvero per quella dei punti vendita. Tali disposizioni sono finalizzate ad assicurare, anche con riferimento ai rapporti negoziali in essere alla data di entrata in vigore della presente legge, maggiori entrate in misura non inferiore a 333 milioni all’anno a decorrere dal 2018. L’utilizzo delle relative disponibilità è accertato annualmente e subordinato ad autorizzazione del Ministero dell’economia e delle finanze, che verifica l’assenza di effetti peggiorativi sui saldi di fabbisogno e di indebitamento netto.

All’articolo 6, comma 1, secondo periodo, del decreto-legge 24 aprile 2017, n. 50, convertito, con modificazioni, dalla legge 21 giugno 2017, n. 96, le parole: ”è fissata nel 6 per cento dell’ammontare delle somme giocate.”, sono sostituite dalle seguenti: ”è fissata nel 7 per cento dell’ammontare delle somme giocate”».

….

All’articolo 6, comma 1, del decreto-legge 24 aprile 2017, n. 5O, convertito con modificazioni dalla legge 21 giugno 2017, n. 96, sostituire le parole: “6 per cento” con le parole: “6,2 per cento”».

All’articolo 6, comma 1, secondo periodo, del decreto-legge 24 aprile 2017, n. 50, convertito, con modificazioni, dalla legge 21 giugno 2017, n. 96, le parole: ”è fissata nel 6 per cento dell’ammontare delle somme giocate.”, sono sostituite dalle seguenti: ”è fissata nel 6,5 per cento dell’ammontare delle somme giocate”».

….

Commenta su Facebook