Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 25 marzo 2020, n.19, recante misure urgenti per fronteggiare l’emergenza epidemiologica da COVID-19, approvato dalla Camera dei deputati

Il relatore Parrini (PD) riferisce in Commissione Affari Costituzionali sul decreto-legge 25 marzo 2020, n. 19, che – in ragione del perdurare dell’emergenza conseguente alla diffusione pandemica del virus COVID-19 – è volto a disciplinare in un atto di rango primario le misure eventualmente applicabili su tutto il territorio nazionale o su parte di esso, per contenere e contrastare i rischi sanitari conseguenti, per periodi di tempo predeterminati. Esso sostituisce, abrogandola, la disciplina di carattere ordinamentale dettata dal decreto-legge 23 febbraio 2020, n. 6, che ha rappresentato la prima cornice giuridica per l’adozione delle misure di contrasto all’epidemia. Tra le misure la chiusura di cinema, teatri, sale da concerto, sale da ballo, discoteche, sale giochi.

Advertisement