Il presidente del Coordinamento Ippodromi, Attilio D’Alesio, scrive alla ministra dell’Agricoltura Teresa Bellanova (nella foto). “Con la presente Le presentiamo la richiesta di organizzare per settembre “gli stati generali dell’Ippica” come peraltro ha fatto recentemente il Ministro Dario Franceschini, che ha deciso di organizzare “gli stati generali della Musica”.

Da quando è stato chiuso l’Unire, ormai nel lontano 2012, non abbiamo più un ente di riferimento e nemmeno una governance o una direzione ministeriale dedicata. Potremmo elencarLe molti “punti” su cui è necessario riflettere e lavorare, come ad esempio il fatto che ben 23 su 32 ippodromi sono di proprietà comunale e che e’ necessaria una legge sugli ippodromi ed una riforma complessiva del settore. Inoltre ci preme segnalarLe che ad oggi il suo decreto del 6 maggio u.s. sulle sovvenzioni degli ippodromi non e’ ancora stato registrato dalla Corte dei Conti e che le società di corse stanno lavorando senza contratto e senza aver percepito niente dall’inizio dell’anno. Potremmo proseguire ma non vogliamo essere troppo lunghi e ci fermiamo qua, aspettando la convocazione degli “stati generali””.