E’ in corso la riunione tra il governo e le regioni con al centro le nuove misure restrittive che entreranno nel nuovo Dpcm in vigore dal 16 gennaio. All’incontro, convocato dal ministro per gli Affari Regionali Francesco Boccia, partecipa anche il ministro della Salute Roberto Speranza e i rappresentanti di Anci e Upi. Tra i governatori sono presenti Fontana, Bonaccini, Toti, De Luca, Marsilio, Toma e Spirli’. Il governo sta  ancora studiando i criteri per la definizione della ‘zona bianca’, quella che in caso di Rt basso (0,5)  consentirebbe un sostanziale ritorno alla normalità, con  palestre, teatri e cinema aperti . Al momento si tratta di una proposta , avanzata dal ministro Franceschini.

Allo stato attuale si tratterebbe di uno scenario destinato a rimanere sulla carta, in quanto nel periodo 15 – 28 dicembre 2020, l’Rt medio calcolato sui casi sintomatici è stato pari a 1,03 (range 0,98 – 1,13) in aumento da quattro settimane e per la prima volta, dopo sei settimane, sopra uno. Se si guarda alla stima di Rt puntuale (calcolato al 22 dicembre 2020), viene fuori che la Basilicata e la Campania registrano un valore di 0.83 (0.81 per la provincia di Bolzano).

Allo stato attuale la maggior parte delle regioni è in zona gialla. La Lombardia ha annunciato il passaggio in zona Rossa.