“In zona bianca riapre teoricamente tutto, compreso il Casinò di Sanremo che potrebbe eventualmente rimanere chiuso solo se il presidente della Regione, con una propria ordinanza, decidesse in senso restrittivo di slittare la riapertura di certe tipologie di attività”. Arriva dal sottosegretario alla Salute Andrea Costa l’interpretazione autentica tanto attesa che fa tirare un sospiro di sollievo all’amministrazione comunale della Città dei Fiori, ma anche agli organizzatori di matrimoni, feste e ricevimenti, centri culturali, corsi di formazione e, appunto, sale giochi e casinò, che avrebbero dovuto attendere dalla metà di giugno al primo di luglio per ripartire.

I dubbi interpretativi che hanno accompagnato la bozza del decreto “Riaperture” – promulgato questa mattina dal presidente della Repubblica Sergio Mattarella -, avevano lasciato aperta la possibilità che la casa da gioco municipale dovesse rimanere chiusa fino al 1° di luglio, così come indicato nella “road map” approvata dalla cabina di regia del governo Draghi. «La road map è valida per le regioni in zona gialla – continua Costa -. In zona bianca, invece, tutte le attività possono riprendere. E’ chiaro che rimane la facoltà delle Regioni di emettere ordinanze restrittive, ma solo restrittive e non “aperturiste”, com’è sempre stato. Rimarrà fondamentale l’applicazione dei protocolli di sicurezza e il rigido rispetto delle regole di comportamento che non devono mai venire meno».

E’ quanto si legge su riviera24.it.

“Siamo assolutamente pronti e accogliamo con favore le parole del vice Ministro Costa sulla quasi certezza di riaprire il Casinò il 7 giugno”. Sono le parole di Adriano Battistotti, presidente del Cda della Casinò Spa, rilasciate a sanremonews.it.