“No, non ci siamo. Non ci siamo proprio. Lo chiediamo ora: la Lega Calcio ritiri la sua vergognosa richiesta, ne va della dignità del gioco più bello del mondo. Ritiri la richiesta di abolire il divieto di pubblicità per l’azzardo e le scommesse. Perché oggi speculare sulla vita di un Paese che sta vivendo una situazione di emergenza e crisi non è dignitoso e non ha alcun senso se non quello del profitto fine a sé stesso. Tanti club di serie A si sono messi a disposizione delle strutture sanitarie del Paese oppure dei propri tifosi più bisognosi, attraverso donazioni e sostegno. La Lega calcio prenda esempio e si metta a disposizione del Paese anziché chiedere ciò che non può dare né oggi né domani. E lo faccia ora. Perché ora è il momento del bisogno”. Così l’ex senatore del Pd, Stefano Vaccari.