Antonio Decaro, presidente dell’Anci: “Stiamo facendo controlli a tappeto. Ma non basterà. Siamo 60 milioni. Le cose andranno per il meglio solo se diventeremo i gendarmi di noi stessi”

“Credo che le misure annunciate dal Governo siano necessarie. Noi sindaci, ma anche i governatori in questo momento mettiamo da parte le diversità di opinioni e ci rimettiamo alle decisioni dello Stato. Faremo di tutto per responsabilizzare i cittadini, perché altrimenti non ci saranno forze dell’ordine o esercito in grado di far rispettare le regole». Parole che il presidente dell’Anci, Antonio Decaro, pronuncia avendo in mente le immagini di un pezzo di Italia che nel week end non ha rinunciato ad ammassarsi per aperitivi, sciate e pranzi al mare. Si e comunque questo non è il momento di discutere le decisioni prese dal governo con il supporto di scienziati e Istituto superiore di sanità. Noi sindaci abbiamo per primi dato l’esempio, rinunciando al potere di emanare ordinanze sul coronavirus. Oggi in cabina di regia lo hanno capito anche le regioni, mettendo da parte vecchie divergenze”.