lotteria scontrino

“Ebbene, all’Agenzia delle entrate ultimamente sono stati concessi molti poteri, molte competenze, e questo piace molto alla sinistra di Governo. Oggi i poteri sono nei dati, il potere è nei dati. L’Agenzia delle entrate ha accesso ai conti correnti degli italiani per la definizione delle cartelle esattoriali, ha accesso anche ai movimenti dei cittadini con la lotteria degli scontrini e lo ha avuto con il cashback, e ora anche ai dati sensibili e super sensibili, come i dati sanitari. Questo non era mai accaduto, i dati sanitari degli italiani a disposizione dell’Agenzia delle entrate. È vero, forse il Grande Fratello di Orwell sta diventando realtà. Non è un bel segnale per il cittadino, unitamente a quello, per esempio, della impossibilità di impugnare i dati degli estratti di ruolo e delle cartelle esattoriali, perché, quando c’è una sanzione, si definisce una sanzione, non si deve guardare solo all’efficienza, ma anche al diritto della difesa del cittadino contribuente”.

Lo ha detto in Aula alla Camera la deputata di Fratelli d’Italia, Lucia Albano, in risposta ai chiarimenti del Ministro della Salute, Roberto Speranza, sulle modalità di accertamento delle violazioni dell’obbligo vaccinale recentemente introdotto per coloro che hanno compiuto i 50 anni di età.